ECODERMOCOMPATIBILITA'

  

A cura di Riccarda Serri, Presidente Skineco

Perché "SKINECO"? Perché Dermatologia Ecologica? 

La dermatologia ecologica è un tema di grande attualità. Da un lato è in grande aumento l'interesse per i cosmetici, i loro ingredienti e i reali effetti sulla pelle; dall'altro cresce in maniera esponenziale l'attenzione per l'ambiente e la sua salvaguardia. 

La domanda alla quale è necessario rispondere è: "che cosa fa bene alla pelle e allo stesso tempo non impatta negativamente sull'ambiente?" La risposta può arrivare dal dermatologo, il vero punto di riferimento in quanto medico e scienziato esperto di cura della pelle. 

Nasce quindi il nuovo concetto di eco-dermo-cosmetica che, per essere realmente impattante, ovviamente, necessita di grande rigore scientifico e di un approccio estremamente razionale. 

Negli ultimi anni si registra, a livello europeo e mondiale, un aumento di: pelli sensibili

  • pelli reattive
  • dermatosi cosmetogene, causate o slatentizzate da cosmetici (DS, Rosacea, Acne adulta, DIC)
  • dermatite atopica 
  • cute asfittica
  • "pori dilatati"
  • comedoni 
  • iperpigmentazioni post-infiammatorie

Sono anche in aumento le pelli che non migliorano, nonostante l'uso di prodotti cosmetici e la comparsa di secchezza e desquamazione. 

Le cause possibili di queste affezioni possono essere di vario tipo:

  • uso di cosmetici errati
  • uso eccessivo o incongruo di cosmetici
  • una routine igienico/cosmetica mal condotta
  • uso di prodotti contenenti veicoli cosmetici non dermocompatibili
  • utilizzo di prodotti contenenti ingredienti cosmetici non dermocompatibili
  • disattenzione per il veicolo, fino al mancato intervento del dermatologo sulla gestione e trattamento della cute

Spesso il dermatologo non conosce la formulazione completa dei prodotti che suggerisce ed è informato solo sui principi attivi. 

Molti ingredienti, pur essendo non-tossici e non-allergizzanti (e pur presentando profili tossicologici rassicuranti), si rivelano sulla lunga distanza poco "dermocompatibili"; allo stesso tempo tali ingredienti non sono ecocompatibili. 

Un'alternativa c'è ed è rappresentata dal "naturale". 

Tuttavia, oggi il "naturale" nella maggior parte dei casi, cavalca l'onda dell'emotività collettiva: è spesso formulato e prodotto in maniera poco scientifica, approssimativa, in carenza di test e di prove cliniche ed infine, frequentemente, non è affatto "naturale". Non è regolamentato da un disciplinare standard, o da un regolamento unico europeo. 

Il dermatologo non è abituato a leggere l'INCI dei prodotti, né a prenderne in esame l'efficacia sulla lunga distanza, o a valutare il 'veicolo' in cui sono contenuti i principi attivi. 

In genere, sono le aziende che ragguagliano il dermatologo sulla cura della pelle, che lo informano sulle necessità della pelle. Per molti motivi, tendiamo a credere a tutto ciò che affermano le aziende; tendiamo ad accontentarci di test epicutanei negativi a 48-72 ore. 

È necessario chiedersi che cosa succede dopo nell'ecosistema cutaneo. 

Ricordiamo che ogni cosmetico deve indicare:

  • Il nome o la ragione sociale e la sede legale
  • Il contenuto nominale
  • La data di durata minima
  • Le precauzioni particolari per l'impiego
  • Il numero del lotto di fabbricazione
  • Il paese di origine
  • La funzione del prodotto
  • L'elenco degli ingredienti (INCI)

L'elenco degli ingredienti deve essere riportato nell'ordine decrescente di peso al momento dell'incorporazione. 

Tale elenco viene preceduto dal termine "Ingredienti" o "Ingredients". In caso di impossibilità pratica, queste indicazioni figurano su un foglio di istruzioni o su una fascetta o un cartellino allegati la cui presenza deve essere richiamata sull'imballaggio secondario, se presente, ovvero sul condizionamento primario mediante una indicazione abbreviata o mediante un particolare simbolo. 

I composti odoranti e aromatizzanti e le loro materie prime devono essere indicati con i termini "profumo" o "parfum" e "aroma". 

Gli ingredienti in concentrazione inferiore all'1% possono essere menzionati in ordine sparso dopo quelli in concentrazione superiore all'1%. 

I coloranti possono essere indicati in ordine sparso dopo gli altri ingredienti, conformemente al numero Color Index o alla denominazione di cui all'allegato IV. 

Per i prodotti cosmetici da trucco, ivi compresi quelli per le unghie e per i capelli, immessi sul mercato in varie sfumature di colore può essere menzionato l'insieme dei coloranti utilizzati nella gamma a condizione di aggiungervi le parole "può contenere" o il simbolo "+/-". Tuttavia non sono considerati ingredienti:

  1. le impurità contenute nelle materie prime utilizzate;
  2. le sostanze tecniche secondarie utilizzate nella fabbricazione, ma che non compaiono nella composizione del prodotto finito;
  3. le sostanze utilizzate nei quantitativi assolutamente indispensabili come solventi o come vettori di composti odoranti e aromatizzanti. Tali sostanze, per la loro davvero esigua concentrazione, non costituiscono una rilevante possibile fonte di pericolosità.

L'attenzione posta dal legislatore sugli ingredienti trova ragione nel bisogno esistente di proteggere il consumatore da possibili effetti negativi dovuti alla presenza di specifiche sostanze o preparazioni che possano danneggiare l'uomo in relazione a proprietà intrinseche di pericolosità. Inoltre, mentre i prodotti cosmetici finiti, cioè quelli confezionati e posti in vendita, cambiano continuamente e costituiscono una categoria davvero difficilmente monitorizzabile, gli ingredienti cosmetici che più comunemente vengono impiegati per realizzare un cosmetico sono, anche se con una certa variabilità, alcune centinaia e per lo più, ben conosciuti. 

Molte di tali sostanze, sono impiegate da decenni e di loro sono note caratteristiche biochimiche e tossicologiche quali la DL50, la tossicità, l'assorbimento percutaneo, la mutagenicità, la fototossicità, la cangerogenicità, etc, al pari di un qualunque ingrediente farmacologico. 

Se un nuovo ingrediente, prodotto in misura rilevante vuole essere immesso sul mercato, deve essere preventivamente sottoposto all'esame del Comitato Scientifico dei Prodotti di Consumo non Alimentari, che provvederà alla sua classificazione, proprio valutando gli studi farmacologici e tossicologici condotti su tale ingrediente. 

Tuttavia, non esiste alcuna indicazione circa la biodegradabilità e la ecocompatibilità degli ingredienti stessi, come altresì non esiste la valutazione degli effetti cutanei a lunga distanza. 

Un esempio concreto è dato dall'uso continuativo di prodotti filmanti e occlusivi (siliconi e petrolati), che favorisce la comparsa di pori dilatati e cute "asfittica". 

Parlare di eco-dermocosmesi significa una cosmesi eco compatibile e dermo-compatibile, rigorosamente scientifica e avanzata tecnologicamente. 

Eco-dermocosmesi significa, per esempio, la limitazione dei seguenti ingredienti:

  • Petrolatum, paraffinum liquidum, mineral oil
  • Siliconi (ciclometicone, dimeticone, etc)
  • Polietilenglicoli (PEG) che contengono ossido di etilene che può formare diossano
  • Cessori di formaldeide - Diazolydinyl urea, Imidazolidinyl urea, DMDMHydantoin, Bronopol, etc
  • Ammine (DEA, MEA, TEA, MIPA): rischio formazione nitrosammine
  • EDTA - ittiotossico
  • Nonoxynol, poloxamer e nonilfenoli- alterazioni ormonali (disturbatori endocrini)
  • Triclosan - antibatterico tossico se troppo presente
  • Trimonium e -dimonium: ittiotossici, non biodegradabili

 

PETROLATI: vaselina, paraffina, olio minerale

La Direttiva sostanze pericolose della CEE n.67/548/CEE e successive modifiche stabilisce una chiara catalogazione tra i derivati del petrolio, tra i cancerogeni e i non. La vaselina (paraffina molle) è classificata come cancerogena cat.2, a meno che non ci sia certezza che l'olio di base dalla cui raffinazione e lavorazione è derivata non lo sia perchè non contiene alcuna impurità. I fornitori di paraffina e vaselina per uso cosmetico devono dare garanzia di non fornire vaselina di categoria 2 cancerogena per le impurità contenute, e ottemperando alla direttiva 2003/15/CE settima modifica, devono fare dichiarazioni certificate di produrre con olii base che non contengano più del 3% di impurità pericolose. 

 

VASELINA IN COSMESI

Le sostanze cancerogene di categoria 2 non possono essere utilizzate nei prodotti cosmetici. In aggiunta alla conformità della Farmacopea Europea, i fornitori dovranno dare l'assoluta certezza che la loro materia prima non è cancerogena secondo la Direttiva Sostanze Pericolose. 

Attualmente

  • La vaselina è classificata come cancerogeno di cat. 2, pertanto sarebbe vietata per uso cosmetico
  • La direttiva di divieto consente l'escamotage verso l'utilizzo recitando: "... a meno che sia noto l'intero processo di raffinazione e si possa dimostrare che la sostanza dalla quale sono ottenuti non è cancerogena."
  • I produttori di cosmetici possono utilizzare per le loro formulazioni paraffina molle per la quale sia certificato che contenga impurità (cancerogene) fino al 3%.

Nuova Direttiva

  • Recentemente è stata divulgata una nuova direttiva che impone dal 1/12/2010 che gli ingredienti classificati cat.2 siano vietati nei cosmetici, a meno che il Comitato Scientifico della Sicurezza dei Consumatori si esprima con parere favorevole all'utilizzo: è vietato l'utilizzo, nei prodotti cosmetici, di sostanze classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione, di categoria 1A, 1B e 2.
  • Una sostanza classificata nella categoria 2 può essere utilizzata nei cosmetici se è stata sottoposta alla valutazione del CSSC (Comitato Scientifico Sicurezza Consumatori) e dichiarata accettabile per l'utilizzo nei prodotti cosmetici.

Esistono quindi due possibilità:

  1. Il fornitore garantirà di essere a conoscenza dell'intero processo di raffinazione delle materie prime utilizzate nella produzione della vaselina con relativo e comprovante certificato di analisi.
  2. Oppure il prodotto deve essere ottenuto da sostanze appartenenti ai due gruppi non cancerogeni (olii altamente raffinati, paraffine e cere idrocarburiche).

Le problematiche dermatologiche della vaselina sono: la sua occlusività e capacità di alterare l'equilibrio microbiologico; la sua non-biodegradabilità. 

Si suggerisce l'utilizzo di vaselina, che attualmente è quasi sempre ai posti più alti dell'INCI nei cosmetici, solo con indicazioni precise, in sedi precise. In alternativa, esistono i polideceni. 

 

SILICONI

  • Siliconi emollienti: cyclopentasiloxane, cyclohexasiloxane, cyclomethicone. Hanno effetto rullante e setoso, si spargono in film sottilissimo senza ungere
  • Dimethicone, cetyl dimethicone, stearyl dimethicone - piu pesanti
  • Phenyl dimethicone, diphenyl dimethicone, phenyl trimethicone

I siliconi presentano:

  • Proprietà uniformi in un ampio intervallo di temperatura (non si addensano col freddo e non diventano più liquidi col caldo, non sono degradati col calore come la maggior parte degli olii vegetali).
  • Bassa tensione superficiale (abbattono lo schiuma, spesso sono usati in minima quantità nelle creme per questa loro proprietà; aumentano la bagnabilità del prodotto in cui sono inseriti).
  • Alto grado di lubrificabilità e scorrevolezza specie su substrati organici (sulla pelle fanno il famoso "effetto rullante" tipico, imitato in natura solo dai fitosteroli contenuti in alcuni burri vegetali).
  • Alta idrorepellenza (sono unti, e quelli che lo sono di più vengono usati nelle creme mani barriera perchè impediscono che l'acqua arrivi alla pelle)
  • Inerzia fisiologica

Tuttavia, sulla lunga distanza:

  • Possono avere effetto disseccante
  • Tendono a "tenere" gli altri ingredienti sulla superficie cutanea
  • Non sono del tutto inerti (per esempio i siliconi usati per le cicatrici ipertrofiche) e, infine
  • alcuni siliconi volatili sono sotto indagine

L'eco-dermo-tecnologia può fornire un'alternativa reale a questi prodotti. 

Occorre ricerca e tecnologia per produrre cosmetici progressivamente più dermo-eco-compatibili, ma attualmente le priorità delle aziende cosmetiche vanno nella direzione della tollerabilità cutanea e delle caratteristiche reologico-sensoriali. Inoltre, produrre un buon dermo-eco-cosmetico, tecnologicamente avanzato, è sicuramente più difficile.

 

DISTURBI CUTANEI FREQUENTI

Gli ultimi dati statistici segnalano come ci siano sempre più pazienti con irritazioni, status cosmeticus syndrome, pelle asfittica, secchezza. Il numero delle atopie è in crescita, così come anche la Red face syndrome (Rosacea e DS). 

Questo è anche dovuto alla presenza di eccipienti inadatti a ingredienti dermatologicamente validi (compresi eccipienti di farmaci topici e detergenti "medicati"). 

Facciamo qualche esempio, comparando gli INCI di alcuni prodotti 'classici', con il loro equivalente 'ecologico'. 

 

Crema antietà - CLASSICA

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Borago Officinalis seed oil, Dimethyl MEA bitartrate, Cetyl alcohol, Cetearyl alcohol, Glyceryl stearate, Potassium palmitoyl hydrolyzed wheat protein, Thioctic acid, Bisabolol, Sodium Glutamate, Sorbitol, Urea, Sodium PCA, Beta-carotene, Glycine,Lactic acid, Hydrolyzed wheat protein, Xanthan Gum, Tocopherol, Lecithin, Citric acid, Ascorbyl palmitate, Canaga odorata oil, Aniba Rosaeodora oil, Citrus Aurantium amara oil, Sodium Hydroxide, Phenoxyethanol, Methylparaben, Propylparaben, Ethylparaben, Butylparaben, linalool*, benzyl benzoate*, farnesol*, limonene*. 

 

Crema viso pelle sensibile- CLASSICA

Aqua/Water, Isononyl Isononanoate, Glycerin, Cyclohexasiloxane, Alcohol Denat., Niacinamide, Cetyl Alcohol, Butyrospermumparkii/Sheabutter, Peg-100 Stearate, Glyceryl Stearate, Ascorbyl Glucosde, Stearic Acid, Sodium Carbomer, Caffeine, Sodium Citrate, Tocopheryl Acetate, Citric Acid, Xanthan Gum, Myristic Acid, Palmitic Acid, Acrylate Copolymer, Isobutane, Ci 19140/ Yellow 5, Ci42090/Blue1, Phenoxyethanol, Methylpababen, Propylparaben. 

 

Crema viso pelle sensibile - ECOLOGICA

Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Glyceryl Stearate, Cetearyl Alcohol, Alcohol, Glycerin, *Butyrospermum Parkii Butter, Stearic Acid, Triticum Vulgare Extract, Sodium Cocoyl Glutammate, *Vaccinium Myrtillus Extract, *Argania Spinosa Oil, Lonicera Japonica Extract, Lonicera Caprifolium Extract, Xanthan Gum, Tocopheryl Acetate, Retinyl Palmitate, Oryzanol, Profumo/Parfum. 

 

Detergente corpo - CLASSICO

Aqua (Water), Sodium Myreth Sulfate, Sodium Cocoamphoacetate, Citric Acid, Coco-Glucoside, Glycol Distearate, PEG-150 Distearate, Lactic Acid, PEG-80 Glyceryl Cocoate, Glycerin, Hydrolyzed Rice Protein, Polyquaternium-7, Profumo. 

 

Detergente corpo - ECOLOGICO

Aqua, coco glucoside, sodium cocoyl glutamate, glycerin, xanthan gum, lactic acid, sodium benzoate, potassium sorbate. 

 

Fondotinta - CLASSICO

Aqua, Cyclomethicone, Butyleneglycol, Ethylexyl Methoxycinnamate, Zinc Oxide, Dimethicone, Phenyl Trimethicone, Octyldodecanol, Magnesium Solfate, Cetyl Peg/Ppg-10/1 Dimethicone, Prunus Amygdalus, Avene Aqua, Isononyl Isononanoate, Sorbitan Sequiolate, Ascorbyl Palmitate, Ethylene Brassylate, Methylparaben, Phenoxyethanol, Potassium Sorbate, Sodium Dehydroacetate, Tocopherol, Tocopheryl Acetate, Tochopheryl Glucoside, ùTrimethylsiloxysilicate, Xanthan Gum. (+/-: CI 77491, CI77492, CI 77499, TALC, CI 77891, CI77007).  

 

Fondotinta - ECOLOGICO

Water (Aqua), Olea Europaea (Olive) Fruit Oil*, Glycerin, Tricaprylin, Alcohol, Squalane, Caprylic/Capric Triglyceride, Glyceryl Stearate Citrate, Hydrogenated Palm Glycerides, Lecithin, Simmondsia Chinensis (Jojoba) Seed Oil*, Prunus Amygdalus Dulcis (Sweet Almond) Oil*, Glucose Glutamate, Aloe Barbadensis Leaf Juice*, Lysolecithin, Butyrospermum Parkii (Shea Butter), Xanthan Gum, Tocopheryl Acetate, Hydrogenated Lecithin, Tocopherol, Rosa Damascena Flower Water*, Lavandula Angustifolia (Lavander) Flower Water*, Melissa Officinalis Water*, Brassica Campestris (Rapeseed) Sterols, Ascorbyl Palmitate, Ascorbic Acid, Fragrance (Parfum)**, Citral**, Citronellol**, Geraniol**, Limonene**, Linalool**, [+/- Mica, Titanium Dioxide (CI 77891), Iron Oxides (CI 77491), Iron Oxides (CI 77492), Iron Oxides (CI 77499)]. 

 

Crema al glicolico - CLASSICA

Aqua, Glycolic Acid, Propylene Glycol, Hydroxyethylcellulose, Ammomium Hydroxide, Isopropyl Palmitate, Glyceryl Stearate, PEG ? 100 Stearate. PEG ? 40 Stearate, Stearic Acid, Cetyl Alcohol, Magnesium Aluminum Silicate, Sorbitan Stearate, Cholesterol, Stearamidopropyl Dimethylamine, Isostearic Acid, Dimethicone, Petrolatum, Tetrasodium EDTA. 

 

Crema al glicolico - ECOLOGICA

Aqua, Glycolic Acid, Hydroxypropyl Methylcellulose, Fucus Vesiculosus, Sodium Cocoyl Hydrolyzed Wheat Protein, Butylparaben, Methylparaben, Phenoxyethanol, Propylparaben, Ethylparaben, Parfum. 

 

Questi pochi ma esplicativi esempi, per dimostrare come una cosmesi nuova, dermo compatibile, eco compatibile, tecnologicamente avanzata, funzionale ed efficace, sicura e ad impatto ambientale sempre più basso sia oggi realisticamente possibile, oltre che auspicabile. 

I dermatologi sono gli esperti della pelle, gli amici della pelle. Rispettano l'ambiente e rispettano la pelle nell'ambiente. 

L'ecocosmetico può essere, ed anzi, dovrà essere, un dermocosmetico. Così come un nutrizionista deve conoscere i cibi, anche quelli bio, il dermatologo deve conoscere e studiare nella loro completezza i cosmetici che consiglia.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono

I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono

I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito. 

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie

I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

Joomla 2.5 Templates designed by Web Hosting Reviews